lunedì 20 novembre 2017

[Recensione] Storia di Roque Rey di Ricardo Romero - Fazi editore


Trama
Il giorno in cui lo zio Pedro muore, la zia Elsa chiede a Roque, dodici anni, di indossare le sue scarpe per ammorbidirle un po’ in vista del viaggio nell’aldilà. Così, riempite le punte con il cotone, il ragazzo esce di casa per fare una passeggiata. Non tornerà più. Camminerà per quarant’anni attraverso l’Argentina, senza meta, in una lunghissima fuga costellata di scoperte, di riflessioni e di una serie di incontri indimenticabili: Umberto, un prete epilettico parricida; Los Espectros, un gruppo di musicisti itineranti che lo ingaggia come ballerino; Marcos Vryzas, un bohémien alcolizzato che lo introduce alla vita dissoluta della capitale; Natalia, una bambina dall’intelligenza eccezionale che si innamora di lui e lo tenta col suo fascino ammaliatore. E quando Roque finirà a lavorare in un obitorio, tolte le scarpe dello zio indosserà quelle dei morti, che lo condurranno nei luoghi dove sono sepolti i loro più terribili segreti. Sullo sfondo di questo lungo viaggio, scorrono quarant’anni di storia dell’Argentina, un paese misterioso ancora tutto da scoprire, raccontati da chi della storia non è protagonista, ma la vive sulla propria pelle. Ricardo Romero è uno degli autori argentini contemporanei più apprezzati e talentuosi. In Storia di Roque Rey rielabora la grande tradizione sudamericana del realismo magico dando vita a un romanzo sempre in bilico tra reale e immaginifico che, sin dalle prime pagine, ci ricorda cosa significa leggere per puro piacere.

La mia opinione
Parto dal presupposto che io adoro gli scrittori sudamericani. Tra i miei preferiti ci sono da sempre Gabriel Garcia Marquez e Isabel Allende. Ho scoperto con piacere un nuovo scrittore a me sconosciuto finora e che, a mio modesto parere, si inserisce perfettamente in quello stile che definirei “magico” e che solo questi scrittori possiedono. 
Ho amato "Storia di Roque Rey" dalla prima all’ultima pagina. L’autore Ricardo Romero ci accompagna dall’inizio della vita di Roque e ci permette di accompagnarlo passo per passo in una vita sempre in movimento e con tanti personaggi speciali che ne segnano il cammino.
Il momento più significativo della vita di Roque è sicuramente quello in cui, per il funerale dello zio Pedro, la zia Elsa gli chiede di indossare le scarpe nuove acquistate per lo zio, in modo che quest’ultimo possa fare il suo viaggio verso l’aldilà in tutta comodità.
Roque inizia a camminare come richiesto dalla zia, ma non riesce più a fermarsi e decide di non fare più ritorno a casa. Da quel momento, inizia il suo peregrinare per l’Argentina, dove incontra tantissime persone che, in un modo o nell’altro, segneranno il suo destino.
Sì perché Roque Rey sembra sempre in balia degli eventi: è come se quello che gli capitasse fosse deciso dagli altri o dal destino, sembra quasi che si lasci trascinare dal mondo che lo circonda e dalle azioni altrui. Ma, dietro questo apparente “menefreghismo” per gli accadimenti della vita, Roque è un ragazzo e poi un uomo davvero sensibile, ma, soprattutto, inquieto. E le scarpe, che hanno segnato sin da subito il suo cammino di inquietudine, avranno un ruolo davvero particolare in questa storia. Lavorando in un obitorio per lungo periodo, Roque, indossando le scarpe dei morti, inizierà a percorrere nuove strade, lasciandosi guidare da ciò che gli suggeriscono le scarpe, fino a scoprire i segreti di coloro che non ci sono più.
Una storia davvero stupenda, uno stile che, come vi dicevo all’inizio, affascina i lettori per la capacità di trascinarli in un mondo a metà tra il reale e il fittizio. Entrerete nella vita di Roque Rey giorno per giorno, vivendo con lui avventure straordinarie, scoprendo i segreti di coloro che lo circondano, rimanendo affascinati dai suoi amori e, alla fine, sarà davvero difficile chiudere l’ultima pagina. Consigliatissimo!

Voto finale: 4,5/5



Nessun commento:

Posta un commento