mercoledì 8 febbraio 2017

[Recensione in anteprima] Madame Claudel è in un mare di guai di Aurélie Valognes



Trama
Ferdinand Brun vive a Parigi, al numero 8 di Rue Bonaparte, ha ottantatré anni e non gli piacciono le persone. Sfortunato dalla nascita – ha perso la mamma e la nonna quando era ancora piccolo –, è cresciuto nel risentimento, diventando introverso e taciturno. Purtroppo con il passare degli anni è addirittura peggiorato e così la moglie lo ha mollato di punto in bianco scappando con il postino, mentre la figlia e il nipotino sono andati a vivere dall’altra parte dell’oceano. Rimasto solo con la cagnolina Daisy, unico essere vivente degno del suo affetto, Monsieur Brun ha deciso di disertare il genere umano e di ridurre al minimo i suoi contatti con gli altri, compresi quelli con la portinaia, la detestata Madame Suarez. Un infausto giorno, la cagnolina Daisy muore e la settimana dopo Monsieur Brun rimane vittima di un incidente. Tutto è contro di lui, e quando la figlia lo mette di fronte all’ipotesi dell’ospizio, non gli resta che accettare l’aiuto di Madame Claudel, un’arzilla signora di novantatré anni, che abita al suo piano. Ma sarà l’arrivo della piccola Juliette, figlia dei nuovi condomini, l’unico evento in grado di scalfire il muro di diffidenza e scontrosità che il vecchio ha costruito intorno a sé.

La mia opinione
Madame Claudel è in un mare di guai” è un romanzo che non potrà lasciarvi indifferenti. Non a caso è diventato un caso editoriale in Francia, paese natale della scrittrice e luogo in cui si svolge la storia.
Non fatevi ingannare dal titolo: la protagonista del libro non è Madame Claudel, ma Ferdinand Brun. Il titolo originale è “Mémé dans les orties” e, leggendo il romanzo, capirete che una grande “pecca” è proprio la traduzione, non perfettamente calzante con la storia.
Il libro in sé è una delizia: meraviglioso come la sua copertina, lo leggerete in poche ore, perché è impossibile abbandonare Ferdinand Brun.
Il “vegliardo”, così viene chiamato nel romanzo, è un uomo brusco e antipatico. Si diverte a giocare brutti scherzi a quelle pettegole delle vicine, facendo di tutto per turbare la calma del condominio. Questo suo atteggiamento darà sui nervi in modo particolare alla “temibile” portinaia, Madame Suarez. 
Quest’ultima non accetta tutto lo scompiglio provocato da Ferdinand: il suo condominio è perfetto e lei, da brava portinaia, ha delle regole che vanno seguite e che lei ha il compito di far rispettare.
Inizierà una vera e propria lotta di dispetti reciproci tra i due, che si intensifica dopo la morte di Daisy, la cagnolina di Ferdinand.
Una volta rimasto solo, infatti, l’anziano protagonista diventerà sempre più scontroso. Ma, come spesso accade, dietro ad un carattere brusco si nasconde un cuore d’oro. 
Ferdinand avrà bisogno di alcuni stimoli per riscoprire la parte migliore di sé: quello di Juliette, una ragazzina davvero speciale, e quello della sua vicina, Madame Claudel.
E così, attraverso la vita di Ferdinand, la scrittrice si immerge nei sentimenti umani, scandagliandoli in tutti gli aspetti: l’amicizia, l’amore, l’affetto incondizionato per gli animali e, soprattutto, il valore della famiglia.
Una storia divertentissima, ma allo stesso tempo dolcissima. Il libro, poi, scorre benissimo, questa scrittrice è stata una vera e propria scoperta e spero davvero di leggere ancora qualcosa di suo. Ho adorato questo romanzo e sono sicura che sarà lo stesso per voi.

Voto finale: 4/5

4 commenti:

  1. mi ispira tantissimo, mi piace molto il titolo!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao Elisabetta questo libro l'ho terminato settimana scorsa, concordo con il titolo non è proprio adatto alla storia, sembra quasi che la protagonista sia Madame Claudel, ma non è cosi, la copertina mi piace molto e poi si legge in poche ore!

    RispondiElimina
  3. Ciao! Non vedo l'ora di leggere questo libro, la trama mi ispira molto e mi sono innamorata subito della copertina. Sono felice che la tua sia una recensione positiva perché ho letto pareri discordanti in giro. Ma ora sono convinta di volerlo acquistare!

    RispondiElimina
  4. Ero indecisa se acquistarlo, sopratutto perché spesso la newton mi ha deluso con copertine e trame accattivanti che però nascondevano libri veramente disdicevoli. Ho letto però buone recensioni e ho avuto la fortuna di imbattermi in un'Offerta Lampo Kindle qualche giorno fa...acquistato a 0,99 cent :)

    RispondiElimina