mercoledì 1 febbraio 2017

[Recensione] Il fabbricante di giocattoli di Liam Pieper per Book Me


Trama
"Lasciate che vi racconti una storia su mio nonno..." è la frase con cui Adam Kulakov, proprietario di una grande fabbrica di giocattoli a Melbourne, ama aprire i suoi discorsi ufficiali. E pazienza se il suo stile di vita di seduttore e bugiardo incallito non ricalca propriamente i valori incarnati dal nobile patriarca. Sì, perché suo nonno Arkady - eroe scampato ai campi di sterminio nazisti, fondatore dell'impresa di famiglia e colonna della società - ha davvero una storia eccezionale alle spalle: quella di un uomo che, sprofondato nel male più assoluto, scopre la sua vocazione costruendo giocattoli di fortuna per i bambini di Auschwitz, e così facendo trova la forza di non soccombere. Ma nulla è come sembra in questo romanzo fatto di ombre e colpi di scena. "Il fabbricante di giocattoli" è la storia di un segreto inconfessabile...

La mia opinione
Il fabbricante di giocattoli” è un romanzo che mi ha colpito davvero tanto. Non è il "classico" romanzo sulla terribile vicenda dell’Olocausto, che rimane nello sfondo e, nonostante ciò, ci invita pur sempre a non dimenticare mai quanto accaduto.
Più che altro è la storia di una famiglia: quella di Arkady e dei suoi discendenti.
Tutto inizia proprio dai giorni nostri, con una normale famiglia australiana, composta da Adam, il nipote di Arkady, e la moglie Tess. Tess e Adam, come molte coppie, stanno affrontando dei problemi che rischiano di separarli. Il tutto aumentato dalle difficoltà che la loro azienda, una grande fabbrica di giocattoli, sta attraversando.
Tess troverà un ancora di salvataggio in Arkady, una persona davvero eccezionale che ha iniziato a costruire giocattoli per i bambini oggetto degli esperimenti dei medici nazisti. 
Da qui, superata coraggiosamente l’esperienza dei campi di concentramento, Arkady continuerà la sua missione di strappare un sorriso ai bambini di tutto il mondo con i suoi giocattoli.
E aiuterà anche Tess a crescere come donna, come madre e come moglie.
Ma la storia di Tess e Adam è alternata con dei flashback sul passato di Arkady… Andando avanti, si scopriranno dei segreti inaspettati, che portano il lettore a porsi una sola domanda: quanto conosciamo davvero le persone che ci stanno accanto?
Un romanzo appassionante, che vi lascerà davvero increduli e stupefatti alla fine. Da non perdere!


Voto finale: 4/5

Nessun commento:

Posta un commento