lunedì 21 novembre 2016

[Recensione] Conviction di Corinne Michaels


Trama
Dopo aver appreso della morte del marito Aaron, marine caduto in missione, Natalie è passata attraverso il dolore e, con fatica, ha ritrovato la luce grazie all’amore per Liam. Aaron però non è morto, e dopo aver lottato per tornare da sua moglie e dalla figlia che non ha mai conosciuto, ora è lì, davanti agli occhi di Natalie, che si ritrova sospesa tra la gioia e l’angoscia. Sì, perché durante la sua assenza, Natalie ha conosciuto un’altra faccia del marito, ha scoperto le bugie che lui le ha sempre raccontato, i tradimenti che le ha nascosto. E soprattutto insieme a Liam ha sperimentato il vero significato dell’amore. Ma ora Liam è deciso a farsi da parte, a sacrificare i suoi sentimenti in nome di ciò che ritiene più giusto: restituire alla piccola Aarabelle la possibilità di crescere con il suo vero padre e permettere a Natalie di ricostruire la famiglia che era andata distrutta. Con i cuori lacerati, incerti se rinunciare a una parte di sé o seguire ciò che sentono, che futuro sceglieranno Natalie e Liam?


La mia opinione
Avevamo lasciato Natalie (Lee), nel primo volume della serie, “Consolation”, di fronte all’inaspettato ritorno di Aaron, il marito che tutti credevano morto ormai da un anno.
In Conviction, Natalie si trova ad affrontare un altro ostacolo: dopo aver superato la morte del marito ed essersi innamorata di Liam, il ritorno di Aaron la fa vacillare.
Soprattutto perché c’è la piccola Aarabelle, nata dall’amore con il marito, che è l’ancora di salvataggio di Natalie. 

Ma la vita di Lee ormai è cambiata: l’amore che prova per Liam è quel tipo di amore che non ha mai provato prima. Se Aaron è il suo migliore amico, quello che rappresentava la certezza, il rapporto con Liam è fatto di passione e di capirsi al primo sguardo.
In questo secondo volume Corinne Michaels non lascia proprio spazio per il “team Aaron”: è impossibile non adorare Liam, non notare con quanta passione ami Lee e quanto sia disposto a fare per renderla felice.
Soprattutto, Liam si è sempre preso cura di Aarabelle e la considera una figlia, anche se non è sangue del suo sangue. In un solo anno la trasformazione di Liam è palese: è passato da essere un Rubacuori a un uomo dolce e sensibile, che farebbe di tutto per la sua nuova famiglia.
Ma Aaron, ovviamente, non è d’accordo e farà di tutto per riprendersi sua moglie. 
La scrittura della Michaels è, come sempre, impeccabile. Impossibile non affezionarsi ai suoi personaggi e non emozionarsi con loro. Pagina dopo pagina, il lettore si sente coinvolto in prima persona nella scelta di Natalie. Inutile dirvi che io ho parteggiato per Liam sin dall’inizio.
Tuttavia, rispetto al primo Consolation, ho trovato la storia un po’ più scontata, mi aspettavo più colpi di scena come nel primo romanzo, ma se avete amato il primo non potete perdervelo.


Voto finale: 3 e 1/2

2 commenti:

  1. Beautiful plot, I also read Italian, now I saw your post and I like a lot. Can you write really well, I do not understand everything is difficult but I'll learn Italian soon

    RispondiElimina
  2. Ehi^^
    Ho dato un'occhiata al tuo blog ed è davvero carinissimo, mi sono iscritta;)
    Se ti va di passare sul mio lo trovi qui http://aworldoffables.blogspot.it/?m=0
    un abbraccio,
    Camilla.

    RispondiElimina