martedì 17 novembre 2015

"Tutto è imprevedibile" Racconto breve ~ Stefano Iachella

"Io invece non sono mai stato capace di amare. Sarà per questo che non trovo la cravatta: "tesoro? Dove hai nascosto la mia cravatta?". Ma nell'altra stanza non c'è nessuno a rispondermi. Con dispiacere di mia madre"




Sinossi
Un racconto breve su alcuni attimi di vita. Quotidiana, lavorativa e amorosa. 


Il personaggio principale è Alessio, giovane artista alla scoperta di se stesso e delle persone che incontra. 
Un racconto breve ma denso di dettagli e di emozioni. 
Il primo racconto di Stefano Iachella.




La mia opinione 
Chi mi segue su Instagram saprà che non amo particolarmente i racconti. Nel senso che è raro che mi compri un libro di racconti, piuttosto preferisco leggere un romanzo.
Oggi però vorrei parlarvi di un racconto di un giovanissimo scrittore (nonché bravissimo fotografo, dalle foto che ho potuto vedere sulla sua pagina Facebook), che ho avuto il piacere di leggere in questi giorni. Lui si chiama Stefano e il suo racconto si intitola "Tutto è imprevedibile".
Si tratta di un racconto breve (circa una quindicina di pagine) che però riescono a raccontare uno spaccato di vita di un ragazzo che a me ha dato l'idea di essere in attesa di qualcosa di, come dice il libro, imprevedibile. E questo "imprevedibile" si concretizza in un incontro casuale, nato da un gesto sbadato di Alessio (così si chiama il protagonista), e cioè un bicchiere di vino rovesciato su una camicia viola. 
Non voglio svelare di più, altrimenti farei il racconto del racconto :)... 
Due caratteristiche ho apprezzato particolarmente: la prima é stata l'uso dei colori per rappresentare lo stato d'animo del protagonista, che é un pittore e all'inizio del racconto utilizza il colore nero (forse perché non è soddisfatto della sua vita?). I colori cambiano nel corso del racconto così come cambia la vita di Alessio. 
La seconda peculiarità del racconto che mi é piaciuta molto è che solo nelle ultime pagine si scopre l'identità dell'incontro di Alessio (con un finale che "esce dagli schemi" rispetto alle storie che per lo più ci capita di leggere sui libri, ma che rappresenta una realtà sempre più attuale, su cui, a mio parere, si dovrebbe scrivere di più.  
Viste le potenzialità della storia, spero che l'autore ci regali qualche altra opera (magari questa volta un romanzo?) 
Se vi va di conoscere questa storia, vi invito a cercare l'ebook di Stefano su Amazon, che potrete acquistare per 0.99 euro. 

Nessun commento:

Posta un commento