lunedì 13 giugno 2016

[Recensione in anteprima] La ragazza nel parco di Alafair Burke

La ragazza nel parco - Alafair Burke dal 14 giugno in libreria per Piemme
"Gli avvocati dicono che non importa se un cliente è innocente, che non è compito nostro saperlo. Si lotta con zelo, a qualisasi costo."

Trama
Quando Olivia Randall, avvocato newyorchese, viene svegliata da una telefonata, non ha idea di chi sia la ragazzina che, dall'altro lato della cornetta, la implora di aiutarla. Ma basta un nome a farle capire. Jack Harris. Il famoso scrittore, padre della ragazzina, accusato di omicidio e ora in cella, in attesa di processo. Jack Harris è un nome che dice troppe cose a Olivia: perché Jack e Olivia hanno un passato. Un vecchio amore finito male vent'anni prima. Un amore di cui lei porta ancora dentro i segni e forse la colpa di aver lasciato che le cose andassero come sono andate. Di fronte alla richiesta della figlia di Jack, Olivia sa che non ha altra scelta. Aiuterà Jack. A costo di lasciare che lui dia sfogo a una vendetta tenuta a bada per tutti questi anni.

Jack non ha un alibi, non ha testimoni, e non ha un motivo plausibile per essere dov'era quando qualcuno ha fatto fuoco nel parco, ammazzando tre persone. E ben presto Olivia sarà costretta a chiedersi se Jack sia davvero innocente, e non la stia manipolando...


La mia opinione
È possibile lasciarsi per sempre alle spalle il passato o ci sono delle porte che non si chiudono mai del tutto? E cosa accade se le persone che credevamo di conoscere meglio di chiunque altro nascondono dei lati oscuri che non avremmo mai potuto immaginare?
Questi sono gli interrogativi che accompagneranno la protagonista del romanzo “La ragazza nel parco”, Olivia Randall, per tutto il libro. Olivia ha tutte le qualità per essere un avvocato di successo: è fredda, abile ad utilizzare le prove a vantaggio dei propri clienti, anche se non è del tutto convinta della loro innocenza. Ma questo basta, l’importante è insinuare un ragionevole dubbio nella giuria.
Ma  quando viene chiamata da una ragazzina il cui padre è stato arrestato, l’abilità di Olivia vacilla. L’uomo in questione è Jack Harris, l’amore della sua vita che lei ha fatto soffrire quando erano giovani. Olivia non si è mai perdonata la fine della relazione, per la quale si prende tutte le colpe. E, nonostante sia consapevole che il suo lavoro potrebbe essere messo a repentaglio dai suoi rapporti passati con Jack, sente di dovergli almeno questo: fare tutto il possibile perché lui non venga condannato per l’omicidio di cui è accusato.
Anche perché Olivia, come tutti, non può assolutamente credere che Jack sia colpevole: è una persona buona, uno scrittore di successo e un eroe per la comunità.
Il problema è che Jack si trova in una posizione davvero scomoda: si trovava nel luogo in cui è stato commesso un triplice omicidio, aveva un legame con una delle vittime e il suo alibi sembra inverosimile. Un appuntamento con una misteriosa ragazza, vista nel parco pochi giorni prima e che era riuscito a ritrovare tramite la pagina web dell’amica Charlotte. Sembra quasi impossibile ritrovare questa ragazza.
Durante la ricerca delle prove che dimostrino l’innocenza di Jack, Olivia inizierà ad avere dubbi sulla sua versione. Anche perché Jack non è esattamente quello che sembra: nonostante Olivia si colpevolizzi (e scopriremo perché), anche Jack ha un passato oscuro di cui lei non è a conoscenza.
È possibile conoscere una persona a fondo? E soprattutto un uomo apparentemente perfetto può essere capace di commettere un brutale omicidio? La verità emergerà solo nelle ultime pagine del romanzo, con un finale inaspettato.
Il libro affronta anche un problema tristemente noto: la facilità di procurarsi delle armi, soprattutto in America, con le conseguenti sparatorie di massa che, purtroppo, sono sempre attuali.
Alafair Burke ci regala un thriller con una suspense incredibile, un ritmo incalzante che impedisce di abbandonare il romanzo anche solo per un minuto. Non appena il lettore crede di essere vicino alla soluzione emerge una nuova prova che fa crollare ogni precedente ipotesi. Il tutto accompagnato da un personaggio femminile perfetto, Olivia, che sono sicura amerete.
Voto finale: 5/5

1 commento:

  1. Avevo adocchiato questo libro per la sua splendida copertina, oltre che per una trama che mi sembrava accattivante. La tua recensione mi piace molto, mi fa immaginare che potrebbe essere un bel thriller, molto adatto a questo timido inizio d'estate.
    Ti va di divertirti con un Blog Tour + Giveaway? In palio una copia della mia nuova novella per la Triskell Edizioni, qui:
    http://evapalumbo.blogspot.it/2016/06/blog-tour-non-e-colpa-della-gravita.html
    Ti aspetto, ciao!

    RispondiElimina